Ricerche di mercato quantitative e qualitative: tutte le differenze tra i due diversi approcci

Ricerche di mercato quantitative e qualitative

Quali scegliere tra ricerche di mercato qualitative e quantitative?

Ci sono tantissime decisioni da prendere durante la pianificazione di un’indagine di mercato e una di queste è sicuramente la scelta tra ricerche di mercato quantitative e qualitative.

I due diversi approcci hanno numerose differenze e le agenzie di ricerche di mercato devono studiare, in base ai casi, se scegliere uno dei due oppure condurre una ricerca integrata.

Ti anticipiamo che il nostro metodo consiste prevalentemente nello svolgimento di ricerche di mercato integrate, ovvero quantitative e qualitative insieme.

Nel corso di questo approfondimento ti spiegheremo la differenza tra le due procedure e motiveremo la nostra scelta di un approccio integrato.

Cosa sono le ricerche di mercato quantitative?

Una ricerca di mercato quantitativa prevede la raccolta di una grande quantità di dati allo scopo di produrre report affidabili. Tali report hanno lo scopo di guidare le aziende nella presa di decisioni di marketing e di business fondamentali.

Come si svolgono queste ricerche?

Le procedure più classiche prevedono sondaggi, interviste e questionari, online e offline. Noi di CMI ci discostiamo da queste procedure perché hanno una percentuale di fallibilità elevata.

Il motivo principale sta nel fatto che le domande vengono rivolte agli intervistati in maniera diretta.

Questo metodo può produrre report influenzati da numerosi elementi (ad esempio le domande stesse), inattendibili, che possono portare le aziende a prendere decisioni errate.

Le indagini di mercato quantitative più affidabili e attuali prevedono il web listening, l’ascolto della rete, ovvero l’analisi di una grande mole di dati pubblici online.

Questi dati sono il frutto sia del pensiero e delle opinioni (spontanee) appartenenti alle persone connesse a un mercato di riferimento, sia delle strategie che adottano le aziende appartenenti a quel mercato… In poche parole, le opinioni dei clienti target e le strategie dei competitor dell’azienda per cui si svolge un’analisi di mercato.

Solo con l’intercettazione dei Big data online, che avviene mediante l’utilizzo di complessi software, possiamo garantire un numero abbastanza ampio di “intervistati” o, meglio, spiati e un’elevatissima affidabilità delle informazioni.

Naturalmente, l’acquisizione dei dati è solo un pezzo del puzzle dell’indagine di mercato quantitativa, dunque una delle fasi della ricerca di mercato.

Un’agenzia di ricerche di mercato deve poi organizzare questi dati, analizzarli e comunicarli a chi ha commissionato l’indagine (dirigenti, imprenditori…).

Per noi, la comunicazione non dev’essere intesa come una mera presentazione di un report.

Il nostro team comunica alle aziende clienti il significato di quei dati e fornisce importanti consigli sulle strategie da adottare per trovare una soluzione ai problemi di marketing.

Leggi anche: Ricerca di mercato on line VS Sondaggi e interviste: abbiamo un vincitore!

Ricerca di mercato qualitativa: che cos’è e in che modo si differenzia dalla quantitativa?

Le ricerche di mercato qualitative si basano sulla comprensione delle motivazioni e delle emozioni dei clienti target delle aziende.

Se la ricerca quantitativa si basa principalmente sull’acquisizione di informazioni (indaga sul “cosa”), la ricerca qualitativa indaga sul “perché”.

Questo approccio può essere molto utile per ottenere delle risposte molto specifiche, ad esempio i motivi per cui i clienti amano un determinato prodotto, il perché scelgano un determinato canale di comunicazione e non usino molti altri canali etc.

Una ricerca qualitativa si fonda sul sentimento che porta una persona a prendere una determinata decisione, ad assumere un comportamento o a sviluppare uno specifico pensiero.

Ci sono diverse modalità per mettere a punto ricerche di questo genere. Le più classiche sono i focus group e le interviste approfondite… Ma noi di Central Marketing Intelligence scegliamo sempre il metodo che ci consente di ottenere informazioni oggettive e incontaminate.

Anche in questo caso si tratta del web listening. La differenza con la ricerca quantitativa sta nelle domande poste ai software: possiamo dunque fare una distinzione fra domande qualitative e domande quantitative.

Esempi di domande quantitative e qualitative per un’indagine di mercato

Le ricerche di mercato online ci permettono di ottenere una grande quantità di informazioni e di analizzare il perché (la qualità) dei dati che otteniamo. Il trucco sta nel porre ai software le domande giuste.

Ad esempio, ecco quali domande quantitative possiamo porre agli strumenti di web listening per trovare le risposte adatte alle diverse ricerche di mercato:

  • Quanto è grande il mercato di riferimento? In futuro si espanderà o si restringerà?
  • Quali sono i trend di mercato futuri?
  • Quali sono i prodotti preferiti, tuoi e dei tuoi concorrenti, da parte dei tuoi clienti target?
  • Cosa pensano i tuoi clienti riguardo il tuo brand?
  • Che posizione ha il tuo brand nel mercato di riferimento?
  • Che posizione ha il tuo brand rispetto ai competitor?
  • Su quali Query si concentrano i tuoi concorrenti per intercettare i clienti?

Vediamo ora le stesse domande poste in chiave qualitativa:

  • Perché, in futuro, il mercato di riferimento si restringerà/si espanderà?
  • Come mai i trend di mercato futuri saranno quelli individuati?
  • Perché i tuoi clienti target amano determinati prodotti della tua azienda e delle aziende concorrenti? Cosa fare per migliorare e su quali prodotti puntare di più?
  • Come mai i tuoi clienti di riferimento hanno una determinata opinione del tuo brand? Tale opinione si può migliorare?
  • Perché hai una determinata posizione nel mercato di riferimento e perché i competitor hanno una posizione più alta/più bassa della tua?
  • Perché la concorrenza si concentra su determinate Query per intercettare i clienti online?

Naturalmente questi sono solo degli esempi: ogni ricerca di mercato ha le sue domande specifiche in base agli obiettivi dell’azienda in questione!

Leggi anche: Informazioni di mercato: eccone 3 che dovresti conoscere già adesso

Ricerca di mercato quantitativa o qualitativa? Sarebbe meglio scegliere entrambe!

Il nostro suggerimento è preferire una ricerca di mercato integrata, dunque sia quantitativa che qualitativa.

Le indagini di mercato integrate sono le più complete e inconfutabili tra tutte.

Infatti analizzano le informazioni sotto diverse prospettive e tali informazioni possono essere combinate e raffrontate tra loro per ottenere dati ancor più precisi (e dunque fornire alle aziende risposte estremamente accurate).

Lo scopo delle ricerche di mercato è fornire alle aziende delle risposte connesse a problemi di marketing e di business. Più le risposte sono complete, più le decisioni delle aziende sono corrette e oculate.

Sappi che le intuizioni più vantaggiose per l’andamento di un’azienda partono da dati estremamente precisi, dunque sia quantitativi che qualitativi.

Per questo motivo, tra le ricerche qualitative e quantitative è sempre meglio scegliere le ricerche integrate.

Hai bisogno di una ricerca di mercato realmente utilizzabile a beneficio della tua azienda?

Contattaci ora per avere maggiori informazioni riguardo il nostro metodo e sapere cosa possiamo fare per la tua azienda grazie alle ricerche di mercato online integrate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per scopi tecnici, analitici, statistici, di profilazione e di remarketing. Se desideri maggiori informazioni e vuoi gestire le tue preferenze sui cookie di terze parti, fai clic sul pulsante in basso per leggere le Informazioni sui cookie. Facendo clic sul pulsante "Accetta", acconsenti all'uso dei cookie di terze parti per gli scopi indicati nell'avviso.