Web reputation aziendale: 7 motivi per cui non puoi fare a meno di monitorare chi parla di te online

web reputation aziendale perché monitorarla con social listening

Social listening e web reputation: perché ascoltare la rete ti aiuta a mantenere alta la reputazione?

Negli articoli precedenti hai scoperto cos’è l’ascolto della rete e come ti può aiutare a intercettare la percezione personale e collettiva delle persone.

Immagino che a questo punto ti starai chiedendo: “Ma nella pratica, a cosa mi serve?”.

Ottima domanda, e proprio per questo adesso andremo a scoprire quali sono le 7 ragioni principali per cui ascoltare la rete è imprescindibile per tutte le aziende, soprattutto quelle i cui consumatori sono maggiormente influenzati dal web – nel bene e nel male.

Faremo un bel viaggio alla scoperta di quali rischi puoi evitare con le ricerche di mercato fondate sull’ascolto del web… E di quali opportunità puoi riuscire a cogliere (che al momento la tua concorrenza non sa nemmeno che è possibile ottenere).

Vedrai che questi motivi non riguardano solo il marketing, come pensa la maggior parte della gente. Ascoltare non serve solo ai social media manager o a chi deve gestire le crisi di reputazione: è uno strumento strategico per la tua azienda a diversi livelli.

Ti serve per metterti al riparo dai rischi, certo, e per capire la percezione dei tuoi clienti in modo da lanciare i messaggi giusti ed evitare di buttar via i tuoi soldi di marketing.

Ma ti serve anche per le scelte riguardanti quali prodotti lanciare, come superare la concorrenza e come capire se stai andando nella direzione giusta.

E ora fermati, raccogli le idee e buttale giù per iscritto ma mano che andremo a vedere questi 7 punti. In tal modo alla fine della lettura avrai già una serie di linee guida e di indicazioni su cosa puoi iniziare a fare da domani.

Ecco, dunque, perché dovresti costantemente monitorare chi parla di te online.

1. Eviti le crisi di reputazione

Il primo è più importante motivo per cui un’azienda deve ascoltare la rete è proprio questo: mettersi al riparo dalle crisi di reputazione del proprio settore e della propria azienda.

Sappi che una sola notizia uscita su un blog particolarmente in vista può diventare la scintilla che porta un gran numero di consumatori a interessarsi del tema… E a modificare nel brevissimo termine le proprie abitudini di consumo!

Ad esempio, qualche anno fa ha iniziato a girare online una lista di prodotti potenzialmente cancerogeni da EVITARE, accusati di contenere metalli pesanti, tra i quali i Ringo Pavesi, il Pandoro Motta e il cornetto Sanson.

Anche in questo caso l’ho scoperto mentre, del tutto ignara, stavo mangiando un pacchetto di Ringo in pausa caffè. “Ma non sai che sono cancerogeni???” mi ha aggredito una collega.

Punta nell’orgoglio ho fatto delle ricerche sul web, scoprendo in effetti un buzz notevole sull’argomento e numerose liste di cibi “pericolosi” in cui i poveri Ringo erano sempre inseriti.

Ho così cercato la fonte di tutto… e non ti stupirà sapere che tutto iniziò con “uno studio” condotto da due dottori modenesi, poi portato alla ribalta da uno dei blog più in vista d’Italia anni dopo.

In breve, i due scienziati avanzarono l’ipotesi che i prodotti realizzati in fabbriche vicine ai termovalorizzatori potessero presentare tracce di metalli pesanti.

Fecero delle analisi a campione su prodotti di uso comune, scoprendo delle tracce nanometriche di particelle metalliche in alcuni di essi (gli stessi autori ammisero che sarebbe potuta non essere una costante di tutti i prodotti).

Anni dopo, il famoso blog, per creare uno “scandalo”, riprese la ricerca e travisò totalmente i risultati delle analisi, facendo uscire un articolo dal titolo “Ferramenta ambulante”.

Questa ricerca non fu approfondita da nessun altro, e anzi aziende come Granarolo commissionarono agli stessi dottori ulteriori verifiche risultate negative.

Ma ormai il danno era fatto: è bastato un articolo per marchiare come “cancerogene” una serie di aziende alimentari italiane che almeno in questo caso non avevano fatto NULLA.

Capisci? Ancora oggi se cerchi i nomi di queste aziende, trovi informazioni su perché vanno boicottate… ancor oggi c’è qualche sparuto consumatore che, per sicurezza, ai distributori automatici evita di scegliere i loro prodotti.

Insomma, a prescindere dalla colpa reale o presunta delle aziende, il rischio è evidente: da un momento all’altro, può uscire uno scandalo o “uno studio” qualsiasi che improvvisamente prende di mira la tua azienda.

Prevederlo è impossibile, ma se non te ne accorgi subito e non fai qualcosa in tempo, arginando il problema e confutando la notizia o prendendo contromisure prima che si espanda a macchia d’olio, tutto ciò che farai in seguito non servirà a molto.

Ormai le persone avranno la pulce nell’orecchio e il tuo buon nome sarà infangato per sempre!

“Chi si lamenta e protesta è il canarino nella miniera di carbone. È il sistema di allarme preventivo per la tua azienda.”

Jay Baer

2. Eviti di regalare i tuoi soldi ai colossi del web

Eccoci al secondo motivo per cui l’ascolto della rete è di importanza fondamentale, e questa volta riguarda le tue attività di marketing.

Immagino che la tua azienda abbia una presenza digitale e che investi ogni anno migliaia – se non milioni – di euro in attività di marketing sui social network, come Facebook e Instagram, e sui motori di ricerca come Google.

Bene, fai benissimo! Ma se vuoi che ogni centesimo speso sul web si trasformi in risultati concreti per la tua azienda, sai qual è il primo requisito?

Conoscere alla perfezione i clienti target a cui ti stai rivolgendo. Riuscire a scoprire chi sono, cosa li fa saltare dalla sedia e cosa desiderano è ciò che oggi fa la differenza tra una campagna di successo e una disastrosa, in cui gli unici a guadagnarci sono i social network.

Le analisi di mercato basate sull’ascolto della rete servono esattamente a ottimizzare al massimo il ROI delle tue campagne di marketing, perché sono fondamentali per:

  • Conoscere il tuo target
  • Inviare il messaggio giusto alle persone giuste.
  • Monitorare i risultati e correggere (eventualmente) la rotta

A proposito di correzione: nel momento in cui lanci una campagna ti basta impostare anche un sistema per monitorare come cambia la tua visibilità e per essere avvisato in caso di eventi negativi… e dormirai sonni tranquilli!

Leggi anche: Web Reputation Analysis: gli step per studiare chi parla di te online e come

3. Vendi di più (e dai i super poteri al tuo servizio clienti)

Esatto, vendi. Le conversazioni e i messaggi sul web non sono solo un rischio o uno spunto per migliorare il tuo marketing. Sono anche una risorsa preziosissima per interagire con i tuoi clienti, creare relazioni, risolvere i loro problemi e in conclusione vendere di più!

Sul web però non basta rispondere: se si vuole trasformare un’opportunità in una vendita, si deve essere velocissimi.

Oggi tutto è più rapido, anche le interazioni con i clienti, e se vuoi cogliere le occasioni devi essere in grado di intercettarli nell’esatto momento in cui stanno prendendo una decisione d’acquisto, oppure di risolvergli un problema nel momento in cui lo rendono manifesto.

Ti dirò di più: quando una persona scrive un post online, con una domanda rivolta direttamente a un brand o per lamentarsi/chiedere qualcosa, se vuoi trasformare questa opportunità in una vendita devi rispondere ENTRO 5 MINUTI!

Guarda questo grafico qui sotto: come vedi, la possibilità di trasformare un contatto in un cliente dipende enormemente da quanto sei veloce.

Se rispondi entro 6 minuti è più difficile, se lasci passare un’ora ormai l’occasione è molto probabilmente scemata – o se era un messaggio negativo, lo hanno già visto migliaia di persone e il danno è ormai fatto.

Quindi la parola d’ordine è reattività, ancora di più che nel caso del social customer care tradizionali (in cui l’unico a sapere se hai cento clienti in attesa al centralino sei tu, non tutto il mondo)!

Insomma, il punto è questo: investi sull’ascolto della rete, fa’ sì che i tuo team di customer care abbia a disposizione i dati e vincerai molte partite.

4. Non prendi mai più una decisione al buio.

L’ascolto della rete è la chiave per raccogliere un enorme quantità di informazioni che possono esserti utili a diversi livelli della tua azienda per prendere decisioni di business. Ti evita il dover buttar via milioni di euro e ti aiuta a cogliere opportunità che prima non potevi vedere.

Ecco, di seguito, quali sono le maggiori opportunità che ti danno ricerche di mercato informate dal social listening:

  • Un accesso privilegiato al più grande database che sia mai esistito: web e social media
  • Lanci il prodotto giusto al momento giusto
  • Scopri i prodotti best in class su cui puntare (e quali dismettere)
  • Puoi entrare a gamba tesa in un nuovo mercato

Come vedi, l’ascolto della rete non serve solo al marketing, ma anche a chi deve prendere delle decisioni sul futuro della propria azienda tenendo un’occhio ben aperto su cosa succede sul mercato.

E a proposito di tenere gli occhi aperti, ora arriva uno dei miei argomenti preferiti…

5. Sei sempre una mossa avanti alla concorrenza

Eccoci qua, l’analisi della concorrenza.

È un argomento che interessa tutti, aziende di qualsiasi dimensione e settore, perché nessuno può dire di non avere concorrenza. Neanche il prodotto più nuovo o il più grande monopolista, perché i consumatori avranno sempre un’alternativa per soddisfare le proprie esigenze.

I concorrenti sono tutti giocatori sulla stessa scacchiera.

Se qualcosa succede a uno di loro, o se uno di loro fa una mossa inaspettata, gli altri ne risentono in positivo o in negativo.

Per questo motivo, da sempre sono stati studiati metodi sempre nuovi per spiare la concorrenza.

Le prime tracce di spionaggio si trovano addirittura nel 4000 a.C, quando i Sumeri avevano architettato metodi per tenere sotto controllo le mosse delle città stato vicine, per paura che facessero delle azioni commerciali che mettessero a rischio i loro interessi.

E ovviamente il grande stratega Sun Tsu parla di come spiare gli avversari nel suo famosissimo “L’arte della guerra”.

“Conosci il nemico come conosci te stesso” 
Sun Tsu

Insomma, “conoscere il nemico” è sempre stato un punto chiave nel successo di uno stratega.

Il motivo è evidente: perché l’unico modo per essere una mossa avanti ai concorrenti è sapere quali pedine stanno muovendo e che risultati stanno ottenendo. Non saperlo è come giocare a scacchi bendati

Come puoi decidere che mossa fare, se non sai come sono schierati gli avversari e non puoi neanche ipotizzare la loro strategia?

Vedere cosa stanno facendo e che risultati stanno ottenendo è un modo per fare dei test con il “sedere” degli altri, evitando di fare gli stessi errori anche tu se qualcosa non funziona, e prendendo spunto dalle idee vincenti per migliorarle ancora di più!

In aggiunta, sapere esattamente cosa stanno facendo gli altri ti permette di reagire in tempo reale aumentando l’efficacia delle tue azioni.

Più informazioni hai su ciò che succede attorno a te e più precise sono, meglio riesci a muoverti.

Eppure, ti svelerò un segreto: pochissime aziende sanno davvero cosa fa la loro concorrenza. La stragrande maggioranza sa a malapena CHI sono i concorrenti più vicini, figurati sapere se stanno lanciando prodotti, se hanno strategie distributive innovative o se lanciano campagne marketing di successo.

Come mai? Non perché sia colpa loro o perché non siano persone in gamba, anzi! Il motivo è che non c’è il tempo materiale di occuparsi di tutto, e tenere sotto controllo la concorrenza richiede impegno.

Ma ecco che anche in questo caso arriva l’ascolto della rete a toglierci dai guai! Già, perché ci permette di scoprire e di raccogliere in modo automatico un grandissimo numero di informazioni, senza cioè che nessuno debba perdere ore ed ore a spulciare siti web e riportare dati.

Le informazioni che possiamo ottenere ascoltando la rete ci fanno capire innanzi tutto chi sono le aziende e le realtà contro cui stiamo competendo, per mettere finalmente a fuoco chi sono i nostri avversari attorno alla scacchiera.

Con il mercato sempre più globale, i nostri concorrenti non sono più i soliti conosciuti con cui ti confronti da sempre, ma nuove forze nascono tutti i giorni in tutto il mondo e abbiamo bisogno di un metodo che ci aiuti a scoprirle!

Dopo averci aiutato a individuare contro chi stiamo competendo, l’ascolto della rete ci guida nel mettere a confronto i risultati di ogni concorrente: chi ha più visibilità? Di chi si parla di più?

Messa in prospettiva l’importanza di ogni attore, ci aiuta anche a portare alla luce le loro strategie di business e di marketing, e a mettere a fuoco i loro punti di forza e di debolezza.

Leggi anche: I 4 step per utilizzare un software di ascolto della rete

6. Sai sempre cosa succede nel tuo settore

Ogni giorno nascono nuove innovazioni e nuovi trend, alcuni molto importanti che saranno in grado di cambiare il mondo, altri più estemporanei che rimarranno semplici curiosità.

Alcuni di essi usciranno su tutti i giornali e saranno sulla bocca di tutti, mentre altri rimarranno più nascosti, magari perché nati in una zona del mondo troppo lontana da noi.

Domandati sinceramente: hai un modo per tracciare tutto ciò? A parte leggere qualche giornale ogni tanto, puoi affermare di essere sempre aggiornato su quali sono le innovazioni, le startup, le correnti di pensiero in grado di influenzare il tuo settore?

Se la risposta è no o parzialmente no, non preoccuparti: la maggior parte delle altre aziende è sulla tua stessa barca. Come ti ho detto anche quando ti ho parlato della concorrenza, non è colpa tua: semplicemente non c’è il tempo materiale per essere sempre sul pezzo su tutto.

Oggi la vita è già abbastanza frenetica così, non è possibile dedicare anche tempo a cose che non impattano immediatamente sulle tue azioni giornaliere e di cui non sapevi neanche bene l’esistenza!

Hanno però un impatto importante nel lungo periodo, e ora che stai leggendo questo articolo sai anche che esistono e che è più che possibile tracciarle e monitorarle… quindi d’ora in poi non avrai più scuse 🙂

Si parla tantissimo di crisi di reputazione, di concorrenza e di strategie, ma c’è davvero poco riguardo le innovazioni e i trend del settore, e soprattutto su come puoi fare per tenerle sotto controllo. Perché? Perché sono aspetti dai confini meno nitidi e che è più difficile studiare… se non si hanno gli strumenti e i metodi giusti!

7. Ascoltando valuti i risultati a 360°

La valutazione dei risultati è un punto molto importante. L’ho messo per ultimo, ma potrebbe benissimo stare all’inizio dell’articolo.

Perché puoi fare tutte le campagne marketing che vuoi, puoi prendere decisioni rischiosissime basandoti su informazioni accuratissime… ma se poi non valuti i risultati, sei punto e a capo.

Non sai se la cosa ha funzionato e come, non vedi dove dovresti migliorare e non capisci un fico secco di come stai andando rispetto al passato.

Se invece ti affidi all’ascolto della rete, capisci:

  • Quanta visibilità stai “guadagnando”
  • Valuti i risultati di una campagna (anche se non hai un analista)
  • Se testimonial e influencer valgono davvero la spesa

Ecco quindi che ascoltare la rete si dimostra ancora una volta un’arma potentissima per farti risparmiare soldi e prendere le decisioni migliori!

In conclusione

Ormai credo che tu abbia capito perfettamente i vantaggi che ti può portare l’ascolto della rete per la crescita e la sicurezza della tua impresa, che dici?

Allora bando alle ciance!

Scrivici pure per avere maggiori informazioni riguardo il social listening e prenotare una consulenza! Siamo qui per supportarti nella crescita della tua azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per scopi tecnici, analitici, statistici, di profilazione e di remarketing. Se desideri maggiori informazioni e vuoi gestire le tue preferenze sui cookie di terze parti, fai clic sul pulsante in basso per leggere le Informazioni sui cookie. Facendo clic sul pulsante "Accetta", acconsenti all'uso dei cookie di terze parti per gli scopi indicati nell'avviso.