Social marketing listening: ascoltare la rete per potenziare le tue attività di marketing

social marketing listening per aziende

Il social listening a vantaggio delle attività di marketing della tua azienda.

Uno dei motivi principali per cui l’ascolto della rete è di importanza fondamentale sia per le PMI che per le Grandi Imprese già ben affermate è relativo alle attività di marketing aziendali e all’ottimizzazione del ROI.

O meglio, al denaro sprecato per condurre campagne di marketing online che non funzionano.

Infatti non basta pianificare attività di promozione che, a parer tuo, frutteranno al meglio. Bisogna avere dei dati concreti, ottenuti da ben definite ricerche di mercato, affinché ogni singolo centesimo venga adoperato al meglio verso il raggiungimento degli obiettivi di business.

Oggi voglio spiegarti esattamente in che modo il social marketing listening può aiutare la tua azienda a investire al meglio le proprie risorse e come farlo al meglio.

Conoscere il tuo mercato di riferimento fa la differenza se vuoi ideare delle campagne di marketing di successo

conoscere il mercato di riferimento prima di una campagna di marketing

Immagino che la tua azienda abbia una presenza digitale e che tu investa ogni anno migliaia – se non milioni – di euro in attività di marketing sui social network, come Facebook e Instagram, e sui motori di ricerca come Google.

Bene, fai benissimo! Ma se vuoi che ogni centesimo speso sul web si trasformi in risultati concreti per la tua azienda, sai qual è il primo requisito?

Non è saper creare i post più belli, i messaggi più divertenti o i video più virali.

Pensaci bene: nella Babilonia dei social media, dove gli utenti sono sottoposti a milioni di messaggi tutti insieme, a fare la differenza sarà se il tuo messaggio è un po’ più simpatico o frizzante di quello degli altri?

Certo che no! Questo è però quello che i social network vogliono che tu creda, perché in questo modo continuerai a spendere sempre di più e a regalare a loro i tuoi soldi.

La differenza sta tutta da un’altra parte, cioè nella capacità di conoscere alla perfezione il pubblico a cui ti stai rivolgendo.

Riuscire a scoprire chi sono, cosa li fa saltare dalla sedia e cosa desiderano è ciò che oggi fa la differenza tra una campagna di successo e una disastrosa, in cui gli unici a guadagnarci sono i social network.

Ora ti spiegherò meglio cosa intendo e come puoi sfruttarlo a tuo vantaggio, ma intanto ti anticipo che per fortuna l’ascolto della rete ti viene in aiuto anche questa volta!

Se vuoi metterti nei panni dei tuoi clienti, infatti, l’unico modo è entrare nella loro testa ascoltando ciò che gli interessa, comprendendo chi sono e quali problemi hanno.

Ma andiamo con ordine.

Leggi anche: Brand listening: perché e come ascoltare chi parla della tua azienda

Il meccanismo stile slot machine dei social network e dei motori di ricerca

Avrai sicuramente notato che rispetto a una volta fare marketing sui social media è diventato molto più compless. Il costo per acquisire un click è aumentato, e dove una volta bastava una persona per gestire il marketing sui social ora hai bisogno di un esercito per star dietro a tutto.

Questo succede perché i colossi del digital sono riusciti a creare il meccanismo perfetto che, come in una slot machine, più giochi, più vuoi giocare, più spendi e più loro guadagnano.

Bada bene non sto dicendo che siano dei truffatori o che non dovresti spendere sui loro canali. Si tratta probabilmente dei canali di marketing più potenti che abbiamo a disposizione… E ai quali non è più possibile fare a meno!

Al giorno d’oggi, i social network e i motori di ricerca hanno catalizzato l’attenzione dei consumatori, che passano sullo schermo del proprio cellulare tutte le ore di tempo libero e si affidano completamente alle informazioni che riescono a reperire online per decidere cosa acquistare.

È ormai un dato di fatto. Le aziende che non fanno pubblicità su Google e sui principali social network ma continuano a investire solo nei media più tradizionali, sono fuori dai giochi.

Quindi investire è necessario… Ma purtroppo sai già che non ti basta decidere di investire su Google o Facebook un certo budget per ottenere i risultati che desideri.

Devi essere in grado di lanciare una campagna con i fiocchi, che si rivolga alle persone giuste con il messaggio giusto, che abbia i giusti hashtag e le immagini ottimizzate a dovere.

Una volta pubblicati, i tuoi messaggi dovranno competere con migliaia di altri post e pubblicità di aziende come te, che sgomitano per un secondo di attenzione dei consumatori… Quindi avrai una chance di successo solo se il messaggio sarà coinvolgente e se sarà in grado di interessare i tuoi clienti target.

Per rendere la cosa più complicata, i social network cambiano le regole su come fare pubblicità ogni cinque minuti: nuovi formati, diverso modo di calcolare la spesa, diversi parametri di qualità.

Le aziende sono bloccate nel circolo vizioso in cui sono costrette a spendere sempre di più, ma ottengono meno risultati, e quindi spendono di più perché la prossima volta sarà quella buona, e così via.

Esattamente come i meccanismi delle slot machine, che portano le persone a non riuscire più a smettere, sperando di veder finalmente cadere i tanto agognati gettoni d’oro!

“Metà dei soldi che spendo in pubblicità è sprecata, il problema è che non so quale metà.”

John Wanamaker

Il 60% del budget aziendale dedicato alle campagne di advertising online… Viene sprecato!

Da una ricerca della multinazionale Proxima Group è emerso come le aziende sprechino sistematicamente il 60% del budget speso online in annunci e contenuti che non vengono visti da nessuno e non portano alcun risultato.

E visto che un’azienda in media investe circa il 5-10% del suo fatturato in marketing digitale, perderne il 60% significa farsi fregare tra il 3% e il 6% del proprio fatturato.

Facendo due rapidi calcoli a mente, se un’azienda di medie dimensioni fattura 50 milioni all’anno, significa che sta perdendo tra gli 1,5M e i 3M di euro ogni anno!

Se ciò non bastasse, da una ricerca fatta attraverso telecamere che tracciano lo sguardo, è risultato che solo il 9% degli annunci per i quali le aziende pagano vengono realmente VISTI dall’occhio umano – che ormai è allenatissimo a saltare le immagini e i testi che non gli interessano.

Quindi se i pochi annunci che ce la fanno ad essere mostrati in più hanno una chance di solo il 9% per essere visti, capirai quanto è difficile che gli annunci per cui spendi soldi riescano ad ottenere gli obiettivi che desideri!

Leggi anche: Listening social media: cosa si può ascoltare oggi e da quali fonti

Social marketing listening: il punto debole delle slot machine del web

game over degli annunci a pagamento sul web

Sembra una situazione disperata, non è vero? Sei costretto a investire sui social perché altrimenti non vendi, ma i soldi che investi vanno in gran parte buttati.

Per fortuna c’è una soluzione, che non solo ti permette di valorizzare i tuoi investimenti, ma che fa anche sì che siano gli stessi social network ad aiutarti e a far pure vedere gratis i tuoi messaggi pubblicitari.

Infatti, se i tuoi annunci si rivolgono alle persone giuste con un messaggio che riesce a interessarle e coinvolgerle, la musica cambia.

In questo caso stai aiutando i social network, i circuiti pubblicitari e i motori di ricerca nel loro scopo, ovvero quello di avere materiale di qualità che piace ai loro utenti, tanti click e tanto traffico.

E così ti aiuteranno a loro volta, mostrando il tuo annuncio a un numero molto più grande di persone a un costo molto più basso! In più saranno le stesse persone a condividere gratuitamente i tuoi contenuti, aumentandone la visibilità e creando un circolo virtuoso positivo per tutti.

È un po’ come aver trovato il modo di truccare la slot machine, non credi?

Tutti i marketer che lo hanno capito sudano sette camicie per raggiungere questa situazione idilliaca. Pochi però ci riescono davvero, e soprattutto pochissimi ci riescono in modo sistematico.

Cioè capita la botta di fortuna in cui il social media manager ha l’idea geniale, solitamente mentre è sotto la doccia, e pubblica un post o un video che diventano virali in pochi secondi, portando il brand ad essere citato tra i casi di successo dell’anno. Può succedere, come può succedere di vincere anche cifre importanti alle slot machine!

Ma se non hai in piedi un sistema per far sì che ciò diventi sistematico – o almeno molto frequente – alla lunga le perdite saranno più rilevanti dei guadagni ottenuti in modo casuale.

E questo sistema, come ormai avrai indovinato, è avere in piedi un metodo per ascoltare costantemente la rete.

Perché il social listening ti aiuta a massimizzare il ROI delle tue campagne pubblicitarie online?

Sono 3 i motivi principali per cui il social marketing listening ti aiuta a massimizzare i guadagni dei tuoi annunci online. Ecco quali:

  • Intercettare le persone interessate a un certo tema e che parlano dello stesso significa capire chi sono queste persone, dove si trovano e con quali canali è più facile raggiungerle, senza buttar via migliaia di euro sui canali sbagliati.
  • Se ascolti quelle persone mentre si esprimono spontaneamente, condividendo pensieri e problemi, puoi imparare moltissimo su cosa pensano e cosa vogliono sentirsi dire.
  • Nei primi due punti hai sbagliato qualcosa? Puoi scoprirlo subito e non quando hai speso anche l’ultimo centesimo. Puoi dunque correggere la rotta in corso d’opera.

Visti i milioni e milioni di euro buttati ogni giorno, direi che investire sull’ascolto della rete sia un’ottima idea per il tuo business, che ne dici?

Contattaci subito per avere maggiori informazioni a riguardo e capire cosa possiamo fare per la tua azienda con le nostre ricerche di mercato azionabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per scopi tecnici, analitici, statistici, di profilazione e di remarketing. Se desideri maggiori informazioni e vuoi gestire le tue preferenze sui cookie di terze parti, fai clic sul pulsante in basso per leggere le Informazioni sui cookie. Facendo clic sul pulsante "Accetta", acconsenti all'uso dei cookie di terze parti per gli scopi indicati nell'avviso.