Business intelligence: cos’è e quando può fare la differenza

Ecco cos'è la Business Intelligence

Scopri per quale motivo questo tipo di attività ha un significato cruciale nella vita di un’azienda.

Quando si parla di business intelligence, concettualmente si fa riferimento ad un tipo di attività ben consolidata nel tempo e che suona familiare ai manager di grandi aziende e più in generale a chi ricopre ruoli di responsabilità all’interno di esse.

Naturalmente un’agenzia ricerche di mercato come la nostra si occupa di diversi servizi per le aziende, finalizzati allo sviluppo del business.

Ecco, azioni mirate come l’analisi di mercato o l’analisi della concorrenza di fatto costituiscono un macro-campo comprendente processi, strumenti e studi talvolta complessi.

Vediamo allora cosa fa la business intelligence e che ruolo ricopre nell’era del digitale.

Per la Business Intelligence si utilizzano software molto elaborati

La business Intelligence è per definizione la base imprescindibile di qualsiasi tipo di business.

Tutto ciò che ha a che fare con la ricerca, l’elaborazione e lo studio di informazioni strategiche utili a migliorare gli affari di un’azienda è Business Intelligence.

Si potrebbe dire che più che una semplice attività, essa sia un’area di applicazione all’interno della quale orbitano diverse figure professionali ben distinte, ognuna col suo ruolo, che agiscono con uno scopo comune.

Questa sorta di scienza al servizio delle aziende ha origini abbastanza datate. Tradizionalmente infatti molte attività di Business Intelligence avevano luogo all’interno delle aziende stesse.

È naturale che nei decenni scorsi, prima dell’avvento di internet, solo le aziende più strutturate e di grandi dimensioni potevano organizzare questo genere di attività.

Pensiamo ad esempio alle grandi catene di negozi al dettaglio o all’ingrosso, che hanno sempre fatto Business Intelligence mediante sondaggi all’interno dei punti vendita, per sondare i propositi d’acquisto dei propri clienti e il loro livello di soddisfazione per il servizio.

O magari all’utilizzo statistico dei dati interni, relativi alle fasce orarie più prolifiche, ai prodotti col tasso di conversione più alto o alle campagne promozionali che ottenevano maggiore successo.

Tuttavia queste azioni avevano un limite: al di fuori da un raggio d’azione circoscritto al punto vendita l’acquisizione di dati utili era pressoché impossibile, eccezion fatta per le indagini sui competitors in merito ai prezzi per esempio.

Leggi anche: Trend di ricerca su Google: 5 risposte utili per la tua Azienda che puoi ottenere sfruttando i dati di Google Trends

Il boom di internet ha rivoluzionato completamente il concetto di Business Intelligence, con una svolta epocale: se prima infatti le aziende dovevano procurarsi i dati da sé internamente, al giorno d’oggi gran parte di questi invece vengono prodotti in continuazione dagli utenti stessi e vengono immagazzinati dalla rete.

Avere la possibilità di accedere a dati esterni quindi consente alle aziende di sviluppare azioni molto più estese e mirate per i loro obbiettivi.

Un report di Business Intelligence dev'essere orientato all'azione

Gli esempi principali dei risultati ottenibili con la Business Intelligence.

Allo stato attuale, privarsi delle informazioni strategiche che queste azioni permettono di mettere a nudo equivale a condannarsi ad un’inesorabile caduta.

Come certamente avrai notato le persone vivono sempre più in simbiosi con i dispositivi tecnologici che li connettono al web e si affidano ad essi per un numero crescente di azioni.

Così facendo, esse forniscono una quantità di dati e informazioni che ogni azienda può studiare e sfruttare per apportare modifiche e migliorie alla propria struttura e ai propri progetti di marketing.

Ma non solo.

Entrando in possesso di informazioni relative alle principali necessità che gli utenti manifestano online e ai trend del momento, un’azienda può provvedere a diverse azioni.

Può infatti procedere alla risoluzione di problemi strutturali che ne limitano l’operatività così come a ridurre i costi qualora in seguito ad analisi dettagliate venisse fuori un bisogno urgente di convertire personale verso altre mansioni o sostituire determinati prodotti con degli altri.

Attraverso le azioni della Business Intelligence è possibile anche monitorare l’attività del proprio sito internet o dei propri profili sui social media, mettendo in evidenza eventuali falle.

Insomma, qualsiasi azione volta a migliorare la produttività, la reputazione e l’operatività di un’azienda è legata a doppio filo all’utilizzo della Business Intelligence.

Leggi anche: Ricerca con Google: Come comprendere in anticipo cosa sta succedendo nel proprio mercato

Vuoi sfruttare al meglio la Business Intelligence per la tua azienda? Affidati a noi di CMI!

La Central Marketing Intelligence è nata proprio con l’obbiettivo di assicurare un servizio di Business Intelligence di ultima generazione ai propri clienti.

Per farlo abbiamo unito alla nostra alta formazione l’utilizzo dei migliori tools disponibili attualmente sul mercato e l’elaborazione di metodi rivoluzionari per sfruttare appieno il grande potere dei Big Data Online.

Ma la nostra missione non si limita alla ricerca delle informazioni e alla loro elaborazione. A tutti i nostri clienti forniamo infatti un report specifico e dettagliato comprendente piani d’azione mirati in base agli obbiettivi.

Vuoi sperimentare i superpoteri della Business Intelligence col metodo CMI?

Contattaci subito per una consulenza gratuita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per scopi tecnici, analitici, statistici, di profilazione e di remarketing. Se desideri maggiori informazioni e vuoi gestire le tue preferenze sui cookie di terze parti, fai clic sul pulsante in basso per leggere le Informazioni sui cookie. Facendo clic sul pulsante "Accetta", acconsenti all'uso dei cookie di terze parti per gli scopi indicati nell'avviso.